QUALI COMPETENZE DEVE AVERE UN COLLABORATORE DA REMOTO?

Come sceglieremo i nostri futuri collaboratori? Quali competenze devono avere i candidati giusti per svolgere questo tipo di lavoro in completa “autonomia”?

Marco Miniussi

Laerning&Recruiting EIskill

In questo nuovo scenario di introduzione FORZATA dello smart working, non tutti i collaboratori sono pronti, non tutti hanno le competenze giuste per svolgere questo tipo di lavoro. E allora, come sceglieremo i nostri futuri collaboratori? Quali competenze devono avere i candidati giusti per svolgere questo tipo di lavoro in completa “autonomia”?

Ecco alcuni suggerimenti e domande di esempio per identificare i candidati che si adattano bene al lavoro da remoto.

Quando si intervistano candidati per posizioni remote, bisogna assicurarsi che siano in grado di svolgere le proprie attività fuori sede. Ecco alcune caratteristiche che devono avere i “team distribuiti” :

  • Comunicazione. I problemi aumentano se i dipendenti remoti comunicano male. Diventa ancora più difficile quando i membri del team si trovano in fusi orari diversi.
  • Mancanza di supervisione diretta. I manager devono fidarsi che i dipendenti siano produttivi. Allo stesso tempo, è anche difficile determinare se i dipendenti remoti sono coinvolti nel loro lavoro.
  • Cultura adatta. I dipendenti remoti possono avere difficoltà a integrarsi nella cultura del team, poiché non interagiscono con i loro colleghi di persona regolarmente.

Dovendo affrontare tutte queste sfide è importante assumere dipendenti remoti che sono:

  1. Buoni comunicatori, in formato verbale e scritto
  2. Motivati con un atteggiamento risolutivo
  3. Avere una buona dose di autodisciplina e organizzazione.

Inoltre, è da chiedere ai candidati se dispongono delle attrezzature necessarie per lavorare in remoto (ad es. Un computer e una connessione Internet) a meno che la tua azienda non lo fornisca.

Ecco alcune domande di esempio da porre quando si intervistano candidati per lavorare da remoto:

  • Hai accesso a un computer, una connessione Internet affidabile e uno spazio privato?
  • Se hai lavorato in remoto in precedenza, quali sono state le maggiori sfide che hai dovuto affrontare? Come le hai superate?
  • Come pianifichi la tua giornata?
  • Che tipo di distrazione hai di solito quando lavori da casa? Come ti assicuri che non interferiscano con la qualità del tuo lavoro?
  • Controlli le tue e-mail dopo il lavoro?
  • Come ti assicuri di staccarti dal lavoro?
  • Cosa faresti se avessi problemi di connessione a Internet durante una riunione con il tuo manager o una chiamata con un cliente?
  • Quali applicazioni di gestione del calendario e delle attività utilizzi?
  • Hai un grande progetto da completare con i membri del team che hanno sede in ufficio. Come lavoreresti con loro per completare il progetto in tempo?
  • Come rimani motivato durante il giorno senza supervisione?
  • Quali misure adotti per archiviare i file (digitali e fisici) in modo sicuro?
  • Cosa faresti se avessi una domanda urgente e il tuo team fosse offline?
  • Quale mezzo sceglieresti per risolvere una conversazione difficile con un collega e perché? (es. videochiamata, email, messaggio istantaneo)

Come valutare i candidati per lavoro da remoto

Condurre interviste video per testare le capacità di comunicazione. I team distribuiti interagiscono spesso tramite Skype o Hangouts, quindi i candidati devono sentirsi sicuri durante le interviste. Inoltre, controlla se i candidati sono in grado di superare potenziali problemi (ad esempio un segnale negativo) con grazia.

Includi compiti scritti. I buoni dipendenti da remoto devono scrivere e-mail e report chiari che riducano al minimo le comunicazioni avanti e indietro. Ciò è particolarmente importante se i tuoi team si trovano in fusi orari diversi, il che può rendere poco frequente la comunicazione in tempo reale. Inoltre, verifica se i candidati sono in grado di seguire le istruzioni e inviare i progetti in tempo.

Valutare le capacità di pensiero critico . I lavoratori da remoto non hanno la possibilità di fermarsi nell’ufficio del loro manager e porre le loro domande. Ecco perché è meglio assumere persone decise e prendere iniziative, se del caso. Scenari ipotetici ti aiuteranno a identificare i candidati che usano il buon senso per superare le sfide.

Mente in forma culturale. Nonostante i confini geografici, i dipendenti devono condividere gli stessi valori per collaborare bene. Chiedi informazioni sui motivi della candidatura e sul modo di lavorare per determinare se si adatterebbero bene al ruolo. Inoltre, presta attenzione alle domande dei candidati per identificare le persone che comprendono e sono interessate ai tuoi obiettivi aziendali.

Attento alle risposte “ALERT”

È un segnale di avvertimento quando i candidati rispondono:

  • Hanno scarse capacità comunicative. Lavorare da remoto significa che i dipendenti devono comunicare chiaramente. I candidati che lottano durante l’ intervista video e hanno scarse capacità di comunicazione via email potrebbero non essere adatti.
  • Mancanza di spirito di squadra. I dipendenti da remoto potrebbero lavorare da soli, ma collaborare con i colleghi e partecipare a progetti di gruppo. I candidati dovrebbero trovare un equilibrio tra la capacità di lavorare autonomamente e l’essere buoni giocatori di squadra.
  • Non sono a proprio agio con la tecnologia. Se stai utilizzando strumenti di messaggistica, applicazioni cloud e videochiamate per collaborare con il tuo team distribuito, assumi persone che possano adattarsi facilmente ad un ambiente di lavoro virtuale.
  • Lotta per conciliare lavoro e vita personale. I lavoratori da remoto spesso hanno orari di lavoro flessibili. Tuttavia, i candidati che hanno difficoltà a stabilire un limite al numero delle loro ore di lavoro potrebbero essere bruciati.

Suggerisci l'articolo su

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print