L'INNOVAZIONE PARTE DALLE RISORSE UMANE

Attraverso un’analisi appropriata delle risorse umane disponibili, in definitiva, i responsabili Hr saranno in grado di anticipare le carenze di competenze e pianificare il cambiamento.

Carmela Casella

CEO&Founder EIskill

Ci sono differenti modi attraverso i quali le aziende possono promuovere al meglio il processo di trasformazione digitale all’interno dell’organizzazione. Compito del management è trovare la strada maestra per massimizzare il potenziale innovativo dell’impresa e grazie a questo guidare la crescita del business. A questo obiettivo concorrono sia le figure direttamente legate al digitale come il Chief information officer ma anche i responsabili delle Risorse Umane, profilo preso in considerazione da un’indagine condotta da Cornerstone OnDemandin collaborazione con Idc, dalla quale sono emerse alcune indicazioni destinate alle imprese italiane e alle rispettive divisioni Hr.

Il primo passo da compiere, si legge nello studio, è conoscere a fondo l’approccio all’innovazione della propria azienda, verificando cioè se il focus del cambiamento è più spostato su prodotti e servizi o sulla struttura organizzativa. Così facendo, dicono gli esperti, i manager del personale potranno più facilmente identificare le best practice utili a migliorare le operazioni interne e a guidare l’azienda verso gli obiettivi prefissati. Si parte però da una situazione in cui l’attitudine di convertire le iniziative di trasformazione digitale in valore di business continua a rappresentare un problema critico per le aziende italiane. Lo spazio per il miglioramento del settore Hr rimane dunque decisamente ampio soprattutto per ciò che concerne l’allineamento organizzativo e il coinvolgimento di tutti dipendenti nell’ambito di una trasformazione culturale più ampia.

Una seconda tappa da affrontare in termini di priorità è prettamente tecnologica e riguarda le infrastrutture informatiche esistenti: la presenza di sistemi “legacy” appena sufficienti per smaltire i carichi di lavoro attuali e incapaci di consentire una gestione efficace delle risorse umane è un freno per dipendenti, responsabili di linea e manager impegnati a massimizzare la produttività in azienda.

La resistenza culturale al cambiamento, terzo elemento che emerge dallo studio, è uno dei principali ostacoli che impediscono a un’organizzazione di progredire nel suo percorso di trasformazione. Per ovviare al limite di una capacità limitata di pensare fuori dagli schemi, è quindi auspicabile allargare il fronte degli strumenti di selezione del personale ad agenzie e piattaforme di recruiting specializzate in grado di intercettare i candidati dotati delle competenze appropriate e con una mentalità diversa.

 

La condivisione efficace delle competenze, e siamo alla quarta indicazione rivolta ai responsabili Hr, è uno dei fattori fondamentali per il successo di un’azienda: peccato che, in Italia, spesso si assista a una mancanza di procedure per l’inserimento di nuove figure in organico, segno di un ambiente chiuso o comunque non sufficientemente aperto alle nuove idee. Per accelerare notevolmente l’innovazione all’interno dell’organizzazione, insomma, è necessario un piano di sviluppo diversificato attraverso corsi individuali, master in ambito business, employee onboarding e altri strumenti.

L’ultimo tassello del puzzle, se tale si può definire, è la definizione di una strategia sulle risorse umane “globale” ed allineata con quella aziendale. Perché questo tassello è importante? Perché alle aziende serve flessibilità organizzativa per portare avanti il processo di innovazione a tutti i livelli (di processi e non solo di prodotto) e per poterla garantire, questa flessibilità, occorre che l’Hr manager disponga di una visione complessiva dei dipendenti e delle relative performance ed esigenze e sappia coordinare tutti gli elementi coinvolti, dalla selezione del personale alla formazione passando per la revisione delle performance. Solo attraverso un’analisi appropriata delle risorse umane disponibili, in definitiva, i responsabili Hr saranno in grado di anticipare le carenze di competenze e pianificare (per tempo e con buone probabilità di successo) il cambiamento.

 

 

Suggerisci l'articolo su

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
Open Innovation
wp_5977508

I DIPENDENTI VOGLIONO PIU’ TECNOLOGIA

Il 96% dei lavoratori delle medie imprese coinvolte (numero di dipendenti compreso tra 50 e 500) afferma che il proprio ruolo sia destinato a cambiare, anche come conseguenza di una serie di fattori quali la rivoluzione digitale, l’incertezza economica e l’evoluzione normativa.

Read More »
New Talent Acquisition
wp_5977508

ASSUMERE CON L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Il brand Unilever, a partire da Luglio 2016, ha rivoluzionato il proprio modo di fare recruiting, utilizzando le potenzialità dell’Intelligenza Artificiale per superare i tradizionali canali.

Read More »

Colloquio24 innova il processo di Pre-Screening analizzando il comportamento emotivo del candidato con tecnologie AI

1000-1.jpg

Colloquio24 c/o 012 Factory via Carlo III di Borbone 8 Caserta - 3287404564